Home

RADIO CaGa  IN FONDO A DESTRA  
dove l'Opera è il Processo, non il Prodotto  
prossimamente da ora su www.farmalibri.it  
SEMBRA FACILE MA NON È DIFFICILE  
e quel che viene viene, Wu We, Let it Bei  
prossimamente da ora su  IL CAVALLUCCIO A DONDOLO  il rito di indignazione creativa  



Mercoledì al Centro Bussola, al rientro dal periodo natalizio, ci siamo chiesti: «Cosa ora ci piacerebbe fare insieme?» Così abbiamo fatto un brain storming. Questa strana espressione inglese significa "tempesta di cervelli", è un "assalto mentale" usato per fare andare la fantasia, raccogliere le idee, trovare una soluzione ai problemi. Ora potete voi immaginare che cosa significa stimolare una tempesta di cervelli in un centro di salute mentale? Inenarrabile.



FACCIAMO UN NUOVO SITO? «Perché no!» Insieme?
Dal 1980 (dal 2007 su web) i farmalibri si occupano di Educazione alla Salute, tanto che potremmo dichiarare di essere stati tra i primi siti a ripetere che ARTE è FARMACO, ma che importa!
  Il fatto è che oggi sta cambiando tutto, è ormai acquisito anche nelle sfere ufficiali che l'arte è GIOCO, e il gioco è  un FARMACO  indispensabile, prioritario "salva-vita". Tant'è. 
Bisogna che ce ne facciamo tutti una ragione.



Mi dicono che fanno fatica a comprendere, che sto trenta anni avanti.
Io penso che 'comprendere' sia sempre una gran fatica, che l'evoluzione non sia mai gratuita, che la vita non sia una App. Ovvero: ognuno deve farsi la sua App, applicare a suo modo le risorse che ci ha dato Madre Natura. Non è facile, ma non è difficile.


Quel che sto per dire vi sembrerà assurdo, ne sono sicuro, quando mi passò nella mente lo ripudiai  come assurdo, paradossale e deficiente. Pensare infatti che il GIOCO costituisca il seme di una nuova Rivoluzione mentale degna di Darwin, e che quindi sia oggi l'unica chiave della SOPRAVVIVENZA di tutto il genere umano, ditemi se non appare effettivamente una cazzata.



Caro bambino, caro genitore,
grazie per la fiducia dimostrataci e nell’aver questo scelto gioco 
Perché è importante giocare?
Il gioco non è un passatempo, è un lavoro, un’attività principale poiché attraverso questo il bambino impara e quindi, giocando, cresce.

Giocate con loro, non lasciateli soli con un videogioco.