Lo psoas è il muscolo che fascia il nostro bacino. Tutto il lavoro di cui stiamo parlando si fonda su questo muscolo che, pur essendo meno appariscente di quanto lo siano un bicipite o un bel pettorale, è il vero motore del nostro corpo in movimento.

È logico che se non lo si conosce non lo si sa usare, o peggio ancora, come sottolineava giustamente Giorgio Gaber, “se una cosa non la usi non funziona”. È assolutamente doveroso quindi farne la conoscenza, rendergli omaggio, tenerlo allenato, perchè è solo grazie a lui che possiamo stare coi piedi a terra e la testa tra le nuvole.

Ci sono vari esercizi alquanto semplici ma purtroppo complicato da spiegare in un testo scritto. È assai curioso però annotare come la struttura di questo muscolo, congiungendosi internamente con la colonna vertebrale, porti ad una estensione verticale, e contemporaneamente, abbracciando per esteso l’intero bacino, porti ad una estensione orizzontale. In pratica lo psoas esprime internamente due forze ad angolo retto e rappresentano una ‘Croce Interna’.

 

 

Tratto da "La Spilla del Farmacista", libro quarto "La Pratica di Salute"