Broken Bicycles in Broccato - istruzioni per l'uso

Ba Dua Jin, gli 8 pezzi di broccato

Le origini del Ba Duan Jin, come del Ba Gua Zhang si perdono nel mito. Alcuni documenti riportano figure e ideogrammi del periodo degli insediamenti Yao (4.000 a.c). Si racconta che i movimenti codificati erano ritenuti n grado di equilibrare corpo e mente, che tecniche speciali di respiro venivano usate per prevenire e curare le malattie.

La testimonianza più recente viene da un libro di seta ritrovato nel 1975: Daoyin Xing I Fa (Metodo di induzione del libero flusso di Qi). Il testo risale alla dinastia occidentale Han (206 a.c. - 24 d.c.) e contiene 44 figure di uomini e donne mentre eseguono gli esercizi di broccato.


Un obiettivo della attività di Qi Gong è favorire un movimento fluido, flessuoso, denso, leggero, morbido (fuori, duro dentro). Si dice «L'Energia muove il Corpo». Una volta che la struttura è connessa, ben piantata a terra e sorretta da una struttura autoportante, l'energia gira.

Grazie al lavoro di consapevolezza corporea del Nei Gong, in particolare della funzione dei "muscoli profondi" possiamo tranquillamente sciogliere e connettere/sconnettere le articolazioni (nove perle) che attraverso un sistema di rotazioni e contro-rotazioni permettono di mantenere l'equilibrio nel mutamento.

.


Il brano di musica per motivi di copyright è stato cancellato, in verità è l'ispiratore dell'opera: “Broken Bicycles”di Tom Wait, al quale Elvis Costello ha aggiunto un brano di Paul McCartney, “Junk”, cantata con Anne Sofie Von Otter.
La musica ha una grande facoltà di orientare sentimenti e sensi, e vale la pena di raccontare come questa canzone sia giunta in un Centro di Salute Mentale, per poter descrivere la malinconia e farla diventare danza.

Era un momento strano, in cui la malinconia aleggiava tra tutti gli ospiti del Centro, cercavamo un modo per affrontarla. Sapevamo che il morbido vince il duro, che di fronte a un pugno, ad una offesa, non bisogna irrigidirsi, ma accogliere restando morbidi e rilassati.


Quando si parla di Tai Ji e Qi Cong applicati alle Artiterapie di Movimento occorre considerare che tra questi due termini ci sono millenni di storia: il Qi Gong viene ricondotto alla dinastia Xia’ (2.100 a.C.) quando «con la scoperta del metallo si abbandonarono «i grossi aghi di pietra».
Il Tai Ji Quan, “Boxe del Principio Supremo”, fu codificato nel 17° secolo d.C. Non si può quindi considerare la Pratica del Qi Gong e del Tai Ji se non alla luce di una cultura medica millenaria, altrimenti si rischia di trattarle come una mera “ginnastica dolce”.


.

Il Codice di Medicina Interna dell’Imperatore Giallo Huang Di -
“Huang Di Nei Jing Su Wen” è il più antico testo di Medicina.

Si racconta che l’Imperatore Giallo, avendo a cuore la salute dei suoi sudditi, incaricò il medico di corte, il Saggio Ch’I Pò di redigere un Codice di Medicina Interna, “Nei Dan”.
Alcuni autori ipotizzano che l’aggettivo ‘interno’ si riferisca in realtà al termine ‘codice’, quindi un 'codice segreto, solo per iniziati. Noi propendiamo per la prima ipotesi, perché se è vera l'intenzione di Huang Di, "Cuore dell'Impero", di proteggere uniformemente tutti i suoi sudditi non avrebbe potuto pensare ad un "codice interno" dedicato alla sua corte.


Goccia a goccia Corpomente: "Combatti lo stress ed evita il burnout"

Siamo lieti di ospitare la nostra amica Elèna, attrice e arte-terapeuta, che ci propone un percorso studiato principalmente per il personale sanitario in questo momento difficile per contrastare il rischio di burnout che letteralmente significa esaurimento, crollo, surriscaldamento.

Naturalmente sono utili per tutti, perché per tutti è un tempo di grande stress. Ripetiamo sempre che "dedicare a sé stessi anche se solo pochi minuti al giorno, con costanza e consapevolezza, contribuisce certamente a rafforzare le proprie difese organiche, psichiche e relazionali. Elèna, con tutti i teatri chiusi, ha prodotto questi video con l'idea di poter dare un piccolo aiuto a chi ci aiuta.