Capita anche a te di avere una strana sensazione?
Qui parlano tutti, tutti hanno qualcosa da dire, tutti sono esperti virali. Io invece ho bisogno di silenzio. Sono convinto di non essere solo, siamo maggioranza - Noi siamo una maggioranza silenziosa.
Anche tu sei rimasto inebetito davanti a quel che sta accadendo? - Un cambiamento epocale, che nessuno può sapere come andrà a finire - Non ci sono parole.
Anche tu ti stai chiedendo come è cominciata? È un tornare indietro nel ricordo, solo per capire, ma con la paura di trovarci improvvisamente davanti al vuoto, all'origine del mondo. - Per vedere il futuro tocca tornare seme


Lui era in prima media, lei in quinta elementare, l'istituto era lo stesso, stesso il giardino, e in fondo cespugli di more e ginestre gialle in primavera. Li si ripararono, in una intimità conquistata di ricreazione. «Se ti mostro il mio fringuello, tu mi fai vedere la tua passera?» Disse lui tronfio come un attore in tv. Lei si calò le mutandine, era pura, era glabra. Fu l'entusiasmante scoperta di una diversità, quando ancora si voleva credere alla Befana, quando si andava a letto dopo Carosello e l'ingenuità apriva porte di conoscenza. Lei ora insegna in prima media, lui fa l'ingegnere.

«Controvento» - YI JIN - Il potere dell'Intenzione
Nel Mortaio: MTC 5mov, DMT Laban, Fux, Nei Gong ana mg 20, Yi q.b a 100

“Si può volare”
Questo Rito si basa sulla Posizione 'Ba' che induce a lavorare sull'arco inferiore (contro-rotazione femori) per preparare la fase “stilistica” della “Forma del Drago Fluttuante - Bagua Zhang”.

In Controvento possiamo riconoscere anche il lavoro sulla “Intenzione”: dare significato al gesto e lasciare che si esprima spontaneamente. Con tali presupposti con “Controvento” definiamo il lavoro sulla Grammatica a apriamo il "Processo”, che man mano diventa un’attività libera e adattabile perfettamente al contesto.

. “Controvento”. Tecnica: i Tempi e l’Azione

PRIMA STROFA 30’’
Testo: (A) Sono qui ad occhi chiusi, coi piedi a terra e la testa che si perde tra le nuvole. (B) Son dritto, sereno, sono eretto. Il Peso mi spinge in basso ed io mi siedo sulle nuvole. (C) Il bacino si rilassa, e ai fianchi metto le ali.
Azione: (A) da 0 a 10 secondi: Saluto, Alineamento, Filo a piombo (reg. n.1)., (B) da 10’’ a 20’’: il Peso spinge sull’osso sacro, lavoro di chiusura degli ischi, apertura creste iliache., Extrarotazione dei femori, lavoro psoas e interno coscie, ginocchia non in avanti ma naturalmente ai lati in linea con i piedi. Peso all’esterno (ma non alzare l’alluce) (reg. n.2)

‘BA’ significa 8. Secondo la MTC la Postura a 8 è necessaria per connettersi con gli 8 Meridiani Straordinari del Cielo Anteriore. Lo scopo primario è applicare questa postura e mantenerla durante tutta la pratica successiva. Per questo occorre “acquisire consapevolezza del lavoro degli ischi”.

Gli ischi sono due piccoli ossi bucati alla base del bacino, insieme a sacro e coccige fanno parte dell’osso iliaco. Si posizionano posteriormente al pube e anteriormente all’ilio con un corpo a due rami.

.La vista è un elemento fondamentale della pratica. Ogni azione parte da una visione. È la regola dell Yi>Qi>Li già ampiamente trattata: "Prima parte l'Intenzione -Yi-, segue l'Energia -Qi-, infine arriva al Corpo -Li-".  Nella didattica il tema della vista nella didattica viene solitamente affrontato alla fine del percorso, questo perché per prendere consapevolezza di quel che accade è necessario capovolgere la formula: Li<Qi<Yi.

Si parta dalla conoscenza dell'asse centrale e man mano a spirale si sale verso le altre parti e dimensioni della pratica.   L'Esercizio degli "8 pezzi di broccato" ha in sè anche un ottimo lavoro per i nostri occhi.