Questo sito web utilizza i cookies per fini statistici ed informativi, senza raccogliere dati personali. Consulta la sezione Privacy per approfondimenti.

Stampa
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

 

EuroStat pubblica due dati importanti: "Aspettativa di vita" e "Aspettativa di Vita Sana" 

Due dati che ci riguardano direttamente. Negli ultimi decenni la Aspettativa di Vita degli italiani è aumentata raggiungendo la soglia media di 80 anni per le donne e 85 per gli uomini. Un altro dato sottovoce è  l’Aspettativa di vita sana. I dati Eurostat dicono che in Italia, nel periodo 2004-2012, la aspettativa di vita sana si è abbassata da 69 a 62 anni per gli uomini, da 71 a 61 per le donne.

Significa che dobbiamo aspettarci di vivere con una malattia cronica e ricorrere a cure mediche per problemi gravi da quando si compiono i 60 anni. Sono dati in controtendenza europea dal momento che in media in Europa la soglia si è alzata ulteriormente da 61 a 63 anni.

Le cause? Infinite. Le responsabilità anche nostre, che badiamo sempre di più alla quantità e sempre meno alla qualità, per dirla con Oscar Wilde: “Tutti pensano a come allungare la vita, in pochi a come allargarla.” Così abbiamo accettato di vivere in scatole chiuse e in ambienti sterili pur di “Far finta di essere sani”, come diceva il maestro Giorgio Gaber. E tant’è!

Ovviamente i farmacisti e l’industria farmaceutica gongolano, malati cronici dai 60 in su garantiscono un buon fatturato a tutti, ma… è veramente un guadagno? Ne vien comunque chiara una denuncia al nostro Sistema Sanitario e Scolastico. Dal 1978 la legge 833 prevede  come primo obiettivo di ogni operatore sanitario “la promozione di una moderna coscienza sanitaria attraverso una corretta Educazione alla Salute”. Nulla da allora è stato fatto, di Educazione alla Salute non se ne parla, purtroppo un sano stile di vita non si apprende da spot pubblicitari.

Disse il saggio: "Abbiamo fatto fuori tutti i nonni, li abbiamo sostituiti con lo  Smart."

Dal 1978 la farmacia Cataldi Carcano esercita e sperimenta la Educazione alla Salute. Nel 2001 partecipa alla fondazione dei ‘farmalibri’, dal 2006 collabora alle attività del “Cantiere della Salute” per la applicazione delle Pratiche di Consapevolezza nella Prevenzione, Manutenzione e Riabilitazione. Dal gennaio 2016 l’associazione è stata promossa “Università Popolare Giocosa Arte” per il Movimento Creativo. Ogni settimana Vi  proponiamo incontri di Arti Marziali Interne, di Applicazione nelle Malattie Neurodegenerativa, di Manutenzione Preventiva e nel Disagi da Stress. 

Se il Servizio Sanitario Nazionale non fa nulla, non significa che noi non si debba far nulla. Se si è statisticamente certi di ammalarsi di una malattia cronica e invalidante appena compiuti i 60 anni, si può anche iniziare a dedicare un po' di tempo a se stessi, ad avere cura di sé, almeno per 3 minuti al giorno. 

OGNI LUNEDI’ ricevete una DISPENSA DI SALUTE.  3 minuti di Consapevolezza ogni giorno aiutano non solo a prevenire eventuali malattie croniche, anche ad imparare a spegnere il dolore. Ricordate che questo atteggiamento attivo è determinante con ogni farmaco e terapia. Noi ti possiamo darti il migliore olio per il cardine della tua porta che scricchiola, ma se poi non muovi la porta avanti e indietro... 

Seguite le nostre dispense, dedicate almeno 3 minuti al giorno al vostro benessere. Costa poco e i risultati sono garantiti. In farmacia troverete tutte le informazioni del caso. E gratuite! Cos’altro?

 



da ilfattoquotidiano.it ,dati eurostat/