Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 


VA BENE  È GIUSTO LO AMMETTO:
LA VERA EMERGENZA SONO IO

È giusto, ognuno assuma le sue responsabilità.

Va bene, ho capito: sono io il virus, senza membrana,

il virus più virulento di sempre, ma senza corona


Non mi sono indignato abbastanza
quando hanno chiuso i piccoli ospedali,
quando hanno messo il numero chiuso a medicina,
quando la sanità è stata delegata al privato,
quando abbiamo bloccato le assunzioni di medici e infermieri
quando al farmacista è stato tolto il serpente
quando abbiamo tagliato cultura e ricerca
quando abbiamo rinunciato a Educare Salute
quando abbiamo scordato di lavarci le mani
quando le mani ce le siamo lavate come Pilato
quando "Se non ora quando" ci abbiamo rinunciato
quando ce ne siamo fregati di buchi d'ozono e anfratti di smog
quando non abbiamo visto il cielo nero in città
e dicemmo che tanto l'Antartide è lontana
mentre l'Australia brucia, l'Amazzonia scompare,
che ce ne frega che spariscano api, lucciole e balene
quando abbiamo scordato come si respira coi reni pieni
quando abbiamo vigliacchi ceduto alla paura della paura
quando abbiamo creduto che si può vivere senza soffrire
quando abbiamo dato le colpe sempre a qualcun altro
quando ci siamo bevuti cazzo, culo, cuore e cervello
pur di non rinunciare alla griffe di un ultimo grido di moda

Va bene, lo ammetto, la vera emergenza è l'uomo, sono io,
ormai entità senza membrana, sola isolata parassita
come un virus, appunto, il vero Virus, il più virulento di sempre,
solo da qui potrò ripartire, da me stesso, dal cercare nel cielo una stella

Solo allora tornerà Primavera e il Sole a risplendere

 

Oscar Brilli

Nove marzo duemilaventi

la filosofia della tegola

Oscar trenta anni avanti