.

Il Codice di Medicina Interna dell’Imperatore Giallo Huang Di -
“Huang Di Nei Jing Su Wen” è il più antico testo di Medicina.

Si racconta che l’Imperatore Giallo, avendo a cuore la salute dei suoi sudditi, incaricò il medico di corte, il Saggio Ch’I Pò di redigere un Codice di Medicina Interna, “Nei Dan”.
Alcuni autori ipotizzano che l’aggettivo ‘interno’ si riferisca in realtà al termine ‘codice’, quindi un 'codice segreto, solo per iniziati. Noi propendiamo per la prima ipotesi, perché se è vera l'intenzione di Huang Di, "Cuore dell'Impero", di proteggere uniformemente tutti i suoi sudditi non avrebbe potuto pensare ad un "codice interno" dedicato alla sua corte.

L'Imperatore era il cuore dell'organismo sociale dell'epoca. Va sottolineato che con il termine "Cuore" in Medicina Tradizionale Cinese non si intende il Miocardio, che invece vien denominato "Ministro del Cuore", cioè quel muscolo il cui compito è difendere il Cuore dai fastidi della quotidianeità in modo da lasciare libero il suo pensiero tutto dedicato al bene dell'intera comunità.

Si racconta a tal proposito che incaricando il Saggio Ch'I Pò di redigere una sorta di Riforma Sanitaria avesse desiderato che i medici venissero retribuiti a diaria in proporzione degli assistiti in carico.
Più o meno come il medico di base nel nostro Servizio Sanitario Nazionale, ma con una leggera e sostanziale differenza: il medico riceveva la diaria solo finché l'assistito stava bene, se si ammalava e quindi la spesa andava per la cura il medico per quel malato non riceveva nulla.
Una idea veramente geniale: il medico, pur di non veder diminuito il suo stipendio cercava in ogni modo di prevenire la malattia, fino a cercare di sapere di cosa il suo assistito si sarebbe potuto ammalare negli anni e decenni a venire. Fu così che nell'antica Cina la Medicina Preventiva ebbe una grande diffusione scientifica.
Pensateci: basterebbe un semplice comma di due righe per cambiare radicalmente il nostro Sistema Sanitario che (malgrado la legge 833/78, la Diciarazione OMS di Yalta del 1948 e la sana intenzione del Ministro Umberto Veronesi nel cambiare nome del Ministero della Sanità in Ministero della Salute) è tuttora ben centrato verso la Malattia e non verso la Salute nei tre momenti di Prevenzione, Cura e Riabilitazione

, Nel “Huang Di Nei Jing Su Wen” si parla di un “corretto rapporto psico-somatico tramite esercizi di Lavoro Interno”.
In particolare il capitolo secondo è intitolato “Siji taohe jingshen da lun”, ovvero “L’importanza dell’adattare la mente ed il corpo alle cinque stagioni”.
Qui troviamo per la prima volta il concetto che per stare in salute occorre una ‘mente rilassata’.
L'Uomo non è altro che un entità posizionata tra Cielo e Terra, ha quindi assoluta necessità di essere in relazione dinamica con entrambi, in una continua dinamica Armonia tra Opposti (Yin Yang).
L’Universo si muove nel ciclo continuo di cinque mutamenti, quindi cinque stagioni, ed ogni stagione corrisponde per analogia ad un colore, ad una emozione, ad un sapore, ad un emuntore, ad un organo, ad un gesto, ad un suono...

Gli organi vitali Zang sono cinque, direttamente connessi tra loro e con tutti gli altri elementi naturali: Fegato, Cuore, Polmone, Reni, Milza-Pancreas.
Il Cervello è ritenuto solo un"‘viscere curioso”. Quel che importa non è tanto l'organo in se stesso, ma come comunicano tra loro i cinque organi.
Il Fegato è la Bile Verde di Collera, il Legno, la Primavera, l’Est, il sapore Acido, la Vista.
Il Cuore è Rosso, il Fuoco, l’Estate, il Sud, la Gioia, il Gusto, l’Amaro.
Il Polmone è Bianco come il Ghiaccio sulle montagne dove c’è il Metallo Piccante, è l’Autunno, l’Ovest, l’Odorato, l’Angoscia.
I Reni sono l’Acqua, Salata, l’Inverno, il Nord, l’Udito, la Pioggia, il Nero, la Paura, quindi il Coraggio.
La Milza-Pancreas è Terra, il Giallo del grano e della Maturità, la Riflessione, il Tatto, il Dolce, il Centro, la Mamma.
Tutti questi movimenti sono presenti in ogni ciclo della natura così come nella cura e nel combattimento. “

Gli organi possono connettersi tra loro secondo due diversi cicli. Un "Ciclo di generazione" e un "Ciclo di opposizione"
Così il Legno (Fegato) genera il Fuoco (Cuore). che genera Terra (Milza-Pancreas), che genera Metallo (Polmone), che genera Acqua (Reni), che genera Legno (Fegato) e così via in un ciclo continuo.
Ma il Fegato si oppone ai Reni, che si oppongono al Cuore, che si oppone al Polmone, che si oppone al Fegato...
Tutto diventa un gioco continuo senza fine, così come è la vita finché c'è vita, con le sue stagioni, i suoi umori, i suoi eccessi e mancanze.

.

.

La teoria dei Cinque Elementi, perno del pensiero filosofico cinese, è ritenuto da molti un tentativo di comprendere i fenomeni e le trasformazioni dinamiche dell'universo. Le sue fonti classiche sono: Shu jing (Classico dei Documenti ): antica raccolta di documenti storici divisi in 58 capitoli raggruppati in quattro sezioni, ciascuna delle quali porta il nome delle dinastie regnanti nella Cina arcaica, nei secoli compresi tra il XXIII e III a.C., in questo libro è compreso “l'Hong Fan o Grande Dichiarazione”, compendio delle regole che il sovrano saggio doveva seguire per vivere in armonia con l'universo rispettando le leggi dello Ying – Yang e dei Cinque Elementi. Liji ( Memorie dei Riti ): ampia raccolta di prescrizioni rituali che spiegano i significati dei riti e dei cerimoniali, è compreso in questo libro lo “ Yue Ling o Trattato sul Calendario “ ......il primo mese della Primavera..... soffia il vento dall'Est, si scioglie il gelo, gli insetti cominciano a muoversi, le oche selvatiche ritornano... In questo mese ricorre l'inizio della Primavera.

 

 

 

Vedi:  La Spilla del Farmacista

 La teoria dei Cinque Elementi, perno del pensiero filosofico cinese, è ritenuto da molti un tentativo di comprendere i fenomeni e le trasformazioni dinamiche dell'universo. Le sue fonti classiche sono: Shujing (Classico dei Documenti ): antica raccolta di documenti storici divisi in 58 capitoli raggruppati in quattro sezioni, ciascuna delle quali porta il nome delle dinastie regnanti nella Cina arcaica, nei secoli compresi tra il XXIII e III a.C., in questo libro è compreso “l'Hong Fan o Grande Dichiarazione”, compendio delle regole che il sovrano saggio doveva seguire per vivere in armonia con l'universo rispettando le leggi dello Ying – Yang e dei Cinque Elementi. Liji ( Memorie dei Riti ): ampia raccolta di prescrizioni rituali che spiegano i significati dei riti e dei cerimoniali, è compreso in questo libro lo “ Yue Ling o Trattato sul Calendario “ ......il primo mese della Primavera..... soffia il vento dall'Est, si scioglie il gelo, gli insetti cominciano a muoversi, le oche selvatiche ritornano... In questo mese ricorre l'inizio della Primavera.

Versione in inglese