Questo sito web utilizza i cookies per fini statistici ed informativi, senza raccogliere dati personali. Consulta la sezione Privacy per approfondimenti.

Stampa

“Colui che vuole comprendere per conoscere, alla fine si rende conto che non deve seguire le mie orme, bensì lasciare le sue spostandosi all’interno delle mie, perché è dentro che troverà se stesso, è dentro che si trova la gioia perduta, è sempre dentro che si trova la porta verso l’esterno dei mondi, l’esterno che è il vero interno.”
“Maestro, come fare per spostarmi dentro?”
“Comincia con il porti in Lui, non andare nelle spaccature, perché, in verità vi dico non vi è frontiera. Soltanto gli occhi creano la frontiera perché non vedono il dentro che sta nel fuori. Solo l’Occhio crea l’unione. L’Occhio crea il Mondo che fa i mondi. L’Uno nutre il molteplice, ed il molteplice rimanda sempre all’Uno. Ti annuncio: non separare, spostati nelle separazioni. E’ in questo modo che tu ti porrai in te. Questa è la via della quiete, perché la quiete è il centro del Cambiamento.”
“Maestro, è questa la cessazione della sofferenza?”
“Il Sogno è oltrepassare il sogno delle frontiere, le frontiere sono la sofferenza, perché la sofferenza è il tu e l’io che si sognano come essendo due.”
“Non capisco. La materia e la non-materia non sono forse due?”
“La Materia e la Non-materia fanno parte del Sogno del mondo. Esse sono Una, sono il gioco attraverso il quale l’Oblio tesse l’opera sua. La separazione è un gioco, come la sofferenza, e la sofferenza nasce dall’orgoglio fondamentale che gioca a separare. La Materia, in verità vi dico, è un sorriso dell’Eterno”.

 

 

UN QUIZ:

"Di chi sono queste parole?  (per un aiuto possiamo dire che sono parole antiche di millenni e non una lezione di un moderno fisico quantistico.)

TRATTO DA

"La Formula di VinJi" Spy Story Quantica, Capitolo 16.2 di Oscar Brilli

La Formula di VinJi

VinJi - Prologo